Yara Gambirasio
Cronaca Ultime News

Yara Gambirasio, le macchie sul sasso di Chignolo d’Isola non contengono sangue

Sono trascorsi tre anni dal ritrovamento del corpo senza vita di Yara Gambirasio, la ragazzina scomparsa il 26 novembre del 2010 da Brembate. Le indagini proseguono e ancora, a distanza di molto tempo dal ritrovamento del cadavere, non si è riusciti a dare una risposta al giallo che ha coinvolto un intero paese, Brembate Sopra, che non ha ancora dimenticato il triste omicidio.

La ragazza è stata ritrovata tre mesi dopo la sua scomparsa, ma nonostante le diverse piste battute da carabinieri e investigatori, nonostante le analisi anatomopatologiche volte a scoprire di più sull’omicidio, pare che le indagini brancolino ancora nel buio.

Negli ultimi giorni sembrava essersi aperto un barlume di speranza: gli investigatori avevano infatti trovato un sasso nel campo di Chignolo d’Isola dove la ragazza era stata ritrovata morta, che sembrava poter essere di aiuto alle indagini. Sul sasso erano infatti state rilevate delle tracce che ad una prima analisi apparivano come macchie di sangue: ma ancora una volta, la speranza è stata vana in quanto le analisi del Ris hanno confermato che non si tratta di macchie di natura organica e quindi non possono essere comparate con il DNA ritrovato sugli indumenti indossati da Yara al momento della morte.

Per il momento le indagini rimangono strette in un’unica morsa: quella della speranza che il killer della ragazzina si faccia vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *